Barabao IGT Ca Dei Maghi
De Grote Hamersma
Falstaff
Decanter
Gilbert & Gaillard
Merano Wijnfestival

Barabao IGT

 14,95

“Il Barabao di Cà Dei Maghi è ottenuto dall’uva Garganega. È un vino bianco di assoluta raffinatezza fin dal momento della raccolta delle uve. In un vigneto dedicato ai vini rossi vicino al Monte Santoccio, alcune uve Garganega sfidano il tempo; proveniente da viti di oltre 50 anni. Il Barabao è molto apprezzato, tra gli altri, da De Grote Hamersma.

A proposito del vino

Azienda: Cà Dei Maghi
Vino: Barabao
Classificazione: IGT
Vitigno: Garganega
Regione/Zona: Valpolicella (Verona)
Tipologia: Vino bianco secco
Terreno: calcareo, marnoso
Vendemmia: 2019
Alcool: 14%
Chiusura: sughero tecnologico
Temperatura di servizio: 10-12° C
Potenziale di posa: lunga durata, nessun dato disponibile
Contenuto: 0,75

Vinificazione

Per il Barabao, circa la metà dell’uva viene raccolta durante la vendemmia di settembre, relativamente presto per la Garganega, e poi appassita per circa 40 giorni. Le restanti uve vengono completamente maturate in pianta e raccolte nel mese di ottobre. Tutte le uve vengono poi trasferite in cantina per essere vinificate insieme. Qui le uve vengono affinate in vasche di acciaio inox per 6 mesi, seguite da un anno di affinamento in bottiglia.

Colore

La “doppia vendemmia” delle uve Garganega si traduce in un vino che ricorda il sole nel suo bel colore giallo dorato intenso e brillante.

Odore

Al naso il Barabao è un vino strutturato con sentori di erbe mediterranee come salvia, rosmarino ed erba della luigia. Dopo essere rimasti nel bicchiere per alcuni minuti, le note di fragranza cambiano in leggermente affumicate con pasta di mandorle, cognac e zafferano.

Impressione gustativa

Bere il Barabao è come un tuffo nel mare del sud che, una volta in bocca, è potente ed elegante, con note salate e un tocco di spirito e miele.

Consiglio culinario

Questo Barabao di Cà Dei Maghi si sposa bene con pesce alla griglia, cozze o risotto ai funghi.

Premi

De Grote Hamersma

De Grote Hamersma 9

Falstaff

Falstaff 90/100 punti

Decanter

Decanter​ 94/100 Punti

Gilbert & Gaillard

Medaglia d'oro Gilbert & Gaillard 90+

Merano Wijnfestival

Merano Wine Festival 2020 Medaglia d'oro

Note di degustazione

Il grande martello

“Garganega. Ma questa è la noiosa puttana che di solito viene usata per fare un soave soave. Sicuro. Anche. Ma non è quello che fanno a Cà dei Maghi. Si prendono la briga di raccogliere la prima metà di settembre. E la seconda metà solo ad ottobre quando le uve sono completamente mature e voluttuose.

Fanno qualcosa anche a riposo? Beh, almeno non bere il tè. Potrebbe essere solo che stiano già sorseggiando con soddisfazione un anno di raccolto precedente e gongolando per ciò che il prossimo porterà. Come questo 2019 per esempio. Annata meravigliosa per quest’uva che si traduce in un bianco molto serio. A strati, plissettato e strutturato. Leggermente affumicato, amaretti, mandorla dolce e una pesca più la sua buccia. Condimento raffinato. Un sospiro salato più una spruzzata di miele. Inoltre, secondo l’importatore, l’odore ha una traccia di ‘erba della luigia’. Non ne ho mai sentito parlare. Non l’ho mai annusato. Ma ora mi ha incuriosito”.

– Hamersma (2021)

ALTRI SUGGERIMENTI…

Sauvignon Blanc IGT

 11,95

Sovernaja I.G.T.

 59,95

Roero Arneis “Cayega” DOCG

 14,95

We gebruiken cookies om ervoor te zorgen dat onze site zo soepel mogelijk draait. Als je doorgaat met het gebruiken van deze site, gaan we ervan uit dat je ermee instemt.