Sangiovese “Moro Matto” Ripavine Biologico IGP
De Groene Hamersma

Sangiovese “Moro Matto” IGP Biologico

 24,95

“Dai vigneti di Ripawine scelti e selezionati per età media, esposizione, tipo di terreno, altezza e produttività limitata, per il Moro Matto si scelgono solo le migliori uve Sangiovese.”

A proposito del vino

Cantina: Ripawin
Vino: Moro Matto
Classificazione: IGP
Vitigno: Sangiovese
Regione/regione: Ripatransone (Le Marche)
Tipologia: Vino rosso secco
Terreno: Medio misto, prevalentemente argilloso
Vendemmia: 2018
Alcool: 13%
Chiusura: sughero
Temperatura di servizio: 16-18°C
Potenziale di posa: lunga durata, ma non sono ancora disponibili dati
Contenuto: 0,75

Vinificazione

Le uve per questo Sangiovese “Moro Matto” vengono raccolte a mano a metà settembre. Successivamente vengono diraspate e pigiate. Parte delle uve viene fermentata a freddo (15°C) in vasche di cemento vetrificato. Contestualmente le restanti uve, buccia compresa, vengono fatte fermentare in tini di acciaio per 10 giorni. Al termine della fermentazione, la prima parte, fermentata a freddo, viene lasciata sulle fecce fini in vasche di cemento vetrificato. Durante la maturazione vengono eseguiti ripetuti batonnage, mentre la parte spillata viene affinata in barrique prima di essere imbottigliata. Quindi i due prodotti vengono rimontati in bottiglia. Seguono infine sei mesi di affinamento in bottiglia.

Colore

Il Sangiovese “Moro Matto” ha un colore rosso rubino con riflessi violacei.

Odore

Profumi molto intensi con netti sentori di frutti rossi come fragole, ciliegie e visciole. Le ultime note sono quelle di cioccolato, cocco e caffè.

Impressione gustativa

Sapore molto morbido, pieno e senza tannini. Seguono anche sensazioni molto persistenti di frutta rossa matura.

Consiglio culinario

Il Moro Matto si abbina, ad esempio, ad antipasti delicati, arrosti e formaggi.

Premi

De Groene Hamersma

De Groene Hamersma 9-

Luca Maroni 2021 - 91/100 Punti

Bibenda Guide 2019 - 4 Grappoli

Annuario dei migliori vini italiani 2020

Note di degustazione

Il grande martello

“A Ripawin, non sono fatti di quercia troppo enfatica. Il sangiovese raccolto a mano, dopo essere stato diraspato e pigiato, viene fatto fermentare e maturare su cemento con liner di vetro. Batonnage ripetuto durante la maturazione. Ora di solito non rende felice l’uomo se viene picchiato più volte con il bastone. Il vino, invece, migliora. Come ringraziamento per aver mescolato le cellule di lievito sul fondo della botte, vengono creati più aroma, gusto e profondità.

Quindi parte del vino viene lasciato recuperare in rovere (finalmente eccolo) per essere infine assemblato con il resto dal contenitore di vetro di cemento. In bottiglia insieme? Sì accogliente. Un anno e mezzo per abituarsi di nuovo. E poi incontrarci di nuovo… nel bicchiere. Per trattare il bevitore come un accordo finale di amarene dense e mature, more piene, un amaro ristretto, un pizzico di erbe verdi, momenti di gioco dell’alloro e tannini untuosi ma decisi.

– Hamersma (2021)

ALTRI SUGGERIMENTI…

9 Anime I.G.T.

 44,95

Valpolicella Classico Superiore Ripasso “10 anni”.

 89,95

De Grote Hamersma
De Grote Hamersma 9

Corvina I.G.T.

 14,95

We gebruiken cookies om ervoor te zorgen dat onze site zo soepel mogelijk draait. Als je doorgaat met het gebruiken van deze site, gaan we ervan uit dat je ermee instemt.