Azienda Agricola Urlaric

Azienda Agricola Urlaric

A proposito della cantina

Il fondatore italiano di Urlari, Roberto Cristoforetti, è un contadino, artigiano e innovatore. Unisce le sue capacità ed esperienze nel perseguire il suo sogno di fare del buon vino con la costituzione della sua azienda vinicola toscana Azienda Agricola Urlari. Lo fa insieme a Jean-Philippe Fort, uno dei nomi più riconosciuti e rispettati tra i grandi vignaioli di Bordeaux. Unisce arte e scienza per creare vini Grand Cru Classe eccezionali.

Azienda Agricola Urlari
ROBERTO

Storia

Roberto è nato nel villaggio di Tuenno in Trentino-Alto Aldige, una regione montuosa del nord Italia. Proveniente da una lunga stirpe di contadini, la sua famiglia possedeva meleti e da giovane Roberto lavorava nei campi con il padre. Ha sviluppato la sensibilità di un agricoltore attraverso le sue prime esperienze e fino ad oggi è un frutticoltore registrato in Italia e continua a supervisionare i frutteti di mele della sua famiglia.

SCI

mestiere

Gli scarponi da sci da competizione sono fatti a mano; su misura per adattarsi ai piedi dei corridori e adattato al loro stile di corsa individuale. Durante i suoi 37 anni di carriera, Roberto ha collaborato con gli ingegneri di Lange per innovare i materiali, modificare l’hardware e creare stampi per migliorare le prestazioni degli scarponi da sci. Viene nominato designer insieme a Rossignol/Lange su un brevetto registrato per realizzare il primo scarpone da sci in carbonio. Roberto ha creato scarponi da sci color oro metallizzato che sono stati indossati dal grande sciatore italiano Alberto Tomba per celebrare le sue 2 medaglie d’oro vinte alle Olimpiadi di Calgary nel 1988 e negli anni ha collaborato con lo studio di design italiano Pininfarina, famoso per il design della Ferrari , per creare design visivamente accattivanti. Scarponi da sci.

Azienda Agricola Urlari
Azienda Agricola Urlari
INTRODUZIONE

Castello Mouton Rothschild

Roberto ha creato stivali per Alberto Tomba durante la sua carriera agonistica ei due sono diventati buoni amici e spesso viaggiato insieme. Il noto apprezzamento di Tomba per i vini pregiati è stato premiato con inviti a visitare le migliori cantine del mondo e Roberto lo ha accompagnato in queste visite. Tra il 1990 e il 1998 hanno visitato i vigneti di Chateau Mouton Rothschild, Chateau Margeaux, Chateau Lafite Rothschild e Chateau Lynch Bages a Bordeax, Domaine de la Romanee-Conti in Borgogna, Ornellaia in Toscana e Santa Rita in Cile. In California, sono stati accolti all’Opus One, Beringer, Shafer, Mondavi e Atlas Peak. Roberto attribuisce la sua introduzione ai diversi stili di vinificazione nel mondo e la sua passione per i vini pregiati all’amicizia con Alberto Tomba.

IL SUO VINO

Urlarico

Roberto iniziò a sognare di sperimentare i diversi elementi della vinificazione che aveva osservato per produrre vini deliziosi. Nel 1998 è diventato socio di una start-up toscana, la Duca, ma ha lasciato la società nel 2003 per creare la propria azienda vinicola. Convinto che il suolo e il terreno della Toscana forniscano la migliore area vinicola del mondo per un vino moderno, cercò la zona conosciuta come Costa degli Etruschi della Toscana fino a trovare un campo chiamato Urlari che gode di una posizione elevata, continua esposizione a il sole e la ricca terra vergine. Acquistò il campo nel 2004 e da esso intitolò la sua azienda: Azienda Agricola Urlari.

Potrebbero non esserci parallelismi ovvi tra la produzione di scarponi da sci da competizione e la produzione di vini premium, ma Roberto vede le somiglianze nella precisione e nell’attenzione ai minimi dettagli richieste per raggiungere costantemente il più alto livello di artigianalità. Roberto porta nei vini che produce la stessa passione per l’innovazione e l’attenzione ai dettagli che sono fondamentali per realizzare scarponi da sci di livello mondiale.

Azienda Agricola Urlari
Azienda Agricola Urlari
BORDEAUX

Jean-Philippe Fort

Roberto ha parlato con diversi produttori di vino e nel luglio 2008 ha incontrato Jean-Philippe Fort, un membro del team di consulenza di Michel Rolland a Bordeaux, dove hanno trascorso ore degustando i migliori vini del mondo. Scoprirono di essere entrambi attratti dallo stesso stile: potente e intenso, estremamente complesso ma anche perfettamente equilibrato. Tuttavia, Roberto ha dovuto convincere Jean-Philippe a consultare un’azienda vinicola fuori dalla Francia, cosa che Jean-Philippe non aveva mai fatto prima. A convincerlo, racconta, sono stati gli elementi essenziali di qualità superiore (terroir, viti, filosofia e vinificazione) che l’azienda già possedeva, insieme alla consapevolezza che la vinificazione era ancora in fase di ideazione, un foglio bianco che lo invitava a sperimentare approcci diversi e influenzare i vini dal primo giorno.
Nato a Bordeaux, Jean-Philippe ha un master in biologia presso l’Università di Bordeaux. Lavora con il team di Michel Rolland da oltre 20 anni ed è conosciuto come specialista in St. Milioni di vini. Oggi, oltre il 40% dei suoi vini sono “Grand Cru Classee” e includono Chateau Angelus, un Premier Grand Cru.

We gebruiken cookies om ervoor te zorgen dat onze site zo soepel mogelijk draait. Als je doorgaat met het gebruiken van deze site, gaan we ervan uit dat je ermee instemt.